Immagine non disponibile
Bns: stop all'aumento dei tassi
Bns: stop all'aumento dei tassi

Articoli di

Economia


La Bns lascia invariato il tasso di interesse all’1,75%.


  21 Settembre 2023 - 15:27




La Banca nazionale svizzera (Bns) ha deciso di lasciare invariati i tassi d’interesse. Il tasso guida resta pertanto all’1,75%. Dopo cinque rialzi consecutivi la Bns ha deciso di interrompere la serie di aumenti, a differenza di quanto aveva fatto la Bce, che la scorsa settimana ha ancora alzato i tassi.

 

L’istituto osserva in una nota odierna che la politica monetaria è stata nettamente inasprita nel corso degli ultimi trimestri per contrastare la pressione inflazionistica. “Al momento”, spiega la Bns, “non è da escludere che possa rendersi necessario un suo ulteriore inasprimento per garantire la stabilità dei prezzi a medio termine”. La Banca nazionale osserverà attentamente l’evoluzione dell’inflazione nei prossimi mesi e “al fine di assicurare condizioni monetarie adeguate, essa afferma anche la sua disponibilità ad agire all’occorrenza sul mercato dei cambi”.

 

La Bns osserva che l’inflazione è ulteriormente diminuita negli ultimi mesi, collocandosi in agosto all’1,6%. “Il calo è riconducibile soprattutto al minor rincaro dei beni e servizi importati”, si legge.

La Banca nazionale svizzera (Bns) ha deciso di lasciare invariati i tassi d’interesse. Il tasso guida resta pertanto all’1,75%. Dopo cinque rialzi consecutivi la Bns ha deciso di interrompere la serie di aumenti, a differenza di quanto aveva fatto la Bce, che la scorsa settimana ha ancora alzato i tassi.

 

L’istituto osserva in una nota odierna che la politica monetaria è stata nettamente inasprita nel corso degli ultimi trimestri per contrastare la pressione inflazionistica. “Al momento”, spiega la Bns, “non è da escludere che possa rendersi necessario un suo ulteriore inasprimento per garantire la stabilità dei prezzi a medio termine”. La Banca nazionale osserverà attentamente l’evoluzione dell’inflazione nei prossimi mesi e “al fine di assicurare condizioni monetarie adeguate, essa afferma anche la sua disponibilità ad agire all’occorrenza sul mercato dei cambi”.

 

La Bns osserva che l’inflazione è ulteriormente diminuita negli ultimi mesi, collocandosi in agosto all’1,6%. “Il calo è riconducibile soprattutto al minor rincaro dei beni e servizi importati”, si legge.




Articoli di

Economia


Ultime notizie



Ultime notizie